MOTORI | giovedì 17 aprile 2014 20:24

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

MOTORI | giovedì 14 ottobre 2010, 18:00

Moto: alla Valceno Cup un Lorenzo Renaudo stellare

Condividi |  

Podio e record della pista per il portacolori del Moto Club Drivers Cuneo e della Daziano Lubrificanti

Lorenzo Renaudo sul gradino più alto del podio

In un week end di sole pieno l’Autodromo “Riccardo Paletti” di Varano de’ Melegari ha ospitato una serie di gare, tra le quali la “Valceno Cup” riservata
alla classe 600, alla quale prendevano parte anche alcuni conduttori della
Provincia di Cuneo.

La pista si è presentata ai piloti con un’ulteriore miglioria, in quanto è stata modificata la curva denominata “Ickx”, che sostituisce la vecchia variante, raccordandosi con una curva a doppio raggio a quella del “Ferro di Cavallo”, risultando, oltre che bella, molto più sicura. 

La gara della classe 600, nella quale erano impegnati i cuneesi Lorenzo
Renaudo (Kawasaki - M.C. Drivers Cuneo) e Matteo Tavella (Honda - M.C. Rocia
in Piega Roccabruna) nella “Stock”, con moto quasi di serie, insieme a quelle
della categoria “Aperta”, molto più elaborate, dove erano iscritti Roberto
Miele (Honda) ed Alessandro Semiglia (Honda), entrambi del Moto Club Rocia
in Piega di Roccabruna, ha visto  stilare al suo termine due classifiche ben
distinte.

L’unico inconveniente per chi non aveva preso parte alla prima gara della Valceno Cup disputatasi nel mese di giugno, era dato dal fatto che non vi
erano i fornitori di pneumatici, prendendo di sorpresa qualcuno, come Lorenzo
Renaudo, che non essendosi portato da casa le coperture nuove , ha dovuto
disputare le prove libere e le qualifiche con pneumatici usati, sperando di
trovarne due nuovi per la gara.

Ciò nonostante, Renaudo, grazie alla preziosa assistenza dei Fratelli Marabotto, è riuscito a sistemare il setting della sua Kawasaki, conquistando
il secondo tempo assoluto, primo della “Stock”, a  cinque centesimi da Roberto
Miele, alla guida della Honda Fresia Moto, autore della pole e di conseguenza
primo della classe “Aperta”.

Terminate le prove, Lorenzo Renaudo è andato alla ricerca di gomme nuove per
la gara e le ha trovate grazie ad Alessandro Semiglia, che ha ceduto al
peveragnese due pneumatici della sua scorta, permettendogli così di poter
correre la gara.

Alla partenza Roberto Miele è scattato molto bene ma Lorenzo Renaudo lo ha
bruciato alla staccata della prima curva, imponendo il suo ritmo agli avversari
ed allungando giro dopo giro, conquistando, oltre alla prima posizione nella
classifica assoluta anche, quella della categoria “Stock” ed il nuovo record
della pista di Varano. Purtroppo Miele non ha potuto contrattaccare, in
quanto al settimo giro è stato costretto al ritiro a causa di una perdita d’olio.

Nella classifica generale della gara, alle spalle del conduttore della verde
Kawasaki si è quindi piazzato Kenny Paita (Honda), seguito da Corsini
(Yamaha). Matteo Tavella si è classificato undicesimo nella categoria “Stock” mentre il generoso Alessandro Semiglia ha concluso la 600 “Aperta”, vinta da Daniele Ventura su Yamaha, in decima posizione.

“Questa è una pista che mi piace molto - ha riferito Lorenzo Renaudo - e, anche se era dal 2008 che non ci mettevo piede, sin dai primi giri sono stato subito veloce e consistente e nelle qualifiche  si è visto subito che la gara sarebbe stata una questione tra me e Miele. Peccato per la pole, che probabilmente, con le gomme nuove, sarei riuscito a fare io. A proposito di gomme, voglio ringraziare Semiglia per avermi ceduto una coppia delle sue gomme nuove, per poter svolgere la gara.
Al via sia io che Roby siamo partiti bene, ma alla prima staccata sono riuscito ad infilarlo ed a prendere il comando della gara e da li in poi ho cercato di guidare senza commettere errori, allungando, anche se di poco, ad ogni passaggio. Al quinto giro il mio vantaggio su Miele era di 2,164 secondi, ma all’ottava tornata mi hanno segnalato il suo ritiro.
Peccato era una bella lotta!! Da li in poi è stata una cavalcata solitaria fino alla bandiera a scacchi, dove mi è stato comunicato che avevo fatto anche il record della pista.
E’ stato un weekend fantastico, che voglio dedicare in primis a Flavio ed Elio della Marabotto Moto di Villanova Mondovì, che hanno preparato alla perfezione la mia Kawa, ai miei genitori, a mia sorella Michela, super tifosa, alla mia ragazza Elena, a tutti gli amici presenti ed a tutti coloro che mi permettono di correre: Marabotto Moto, Daziano Lubrificanti, Trattoria Pizzeria da Marisa, Idroterm, Centro Revisioni Virano, Banca CRS e Moto Club Drivers”.

Dario Malabocchia

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore