/ Altri sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Altri sport | martedì 14 novembre 2017, 15:43

Sci alpino: ambizioni, prospettive e stato di forma delle atlete del Comitato AOC nelle parole del tecnico Alberto Platinetti

Il punto dell'allenatore...

La mancata disputa delle gare FIS-NJR del primo giorno del programma di Solda consente di fermarsi a fare il punto sulla preparazione  estiva ed autunnale delle squadre del Comitato FISI Alpi Occidentali. 

"Originariamente il programma degli allenamenti estivi e autunnali da giugno ad inizio novembre prevedeva in totale nove periodi di 4-5  giornate sui ghiacciai alpini. - spiega  l'allenatore Alberto Platinetti - Al momento siamo riusciti a svolgere 35 delle 43 giornate  previste, a causa della perdita di otto giornate a Les Deux Alpes nel  periodo in cui, per l'eccessivo caldo e il deterioramento del manto  nevoso, gli impianti di risalita erano stati fermati. Abbiamo  sostituito quelle giornate sulla neve con  un raduno a secco di  quattro giorni, in cui abbiamo proposto i test atletici della  Federazione. In totale abbiamo svolto 19 allenamenti di Gigante, 17 di  Slalom e 8 di Super-G”.

Alcune atlete hanno partecipato agli  allenamenti proposti dalla Federazione e aperti al gruppo delle  ragazze “Osservate” nelle discipline tecniche: Sara Allemand, Martina Piaggio e Serena Viviani, quest'ultima purtroppo infortunata.  Alessia Timon e Giulia Paventa fanno invece parte del gruppo delle  atlete “Osservate” nelle discipline veloci. Tutte queste atlete hanno  potuto integrare la preparazione con sette giornate  di allenamento tra Gigante e Slalom allo Stelvio in luglio e a Solda a novembre e con quattro giornate per le discipline veloci a fine settembre a Saas Fee. 

Gli allenamenti sciistici estivi si sono svolti in buone condizioni,  - sottolinea Platinetti - con una prima parte di quattro periodi a  Deux Alpes in cui si è lavorato principalmente sulla tecnica di curva  in Slalom e in Gigante, con esercitazioni e tracciati di  addestramento. Nel mese di settembre abbiamo svolto due raduni sul  ghiacciaio dello Stelvio. Le temperature più rigide e le ottime  condizioni del ghiacciaio ci hanno consentito di programmare doppi  turni di allenamento, sciando anche al pomeriggio. Nel primo raduno  abbiamo continuato i lavori sulla tecnica e l’addestramento al Gigante  e allo Slalom, Nel secondo abbiamo proposto lavori più specifici in  entrambe le specialità e allenamenti di Super-G su pendii molto  facili. In ottobre ci siamo spostati  ad Hintertux, per due periodi di  5 giorni su piste più pendenti e in condizioni eccellenti. Anche sul  ghiacciaio austriaco abbiamo lavorato con doppie sessioni. Nel primo  raduno abbiamo puntato sul Super-G e sul Gigante, nel secondo sul  Super-G e sullo Slalom.  In previsione delle prime gare FIS di Gigante  a  Solda ci siamo dedicati ad allenamenti di rifinitura in Val  Senales”.

Ma quali sono le condizioni psico-fisiche delle atlete che Platinetti ha “preso in consegna” dal predecessore Fabrizio Martin e delle nuove leve?

Secondo l'allenatore del Comitato AOC, “Carola Gardano ha vissuto un estate in crescendo, è molto motivata e mi  aspetto da lei un salto di qualità. È completa, ma  predilige lo  Slalom e noi puntiamo molto su quello. È andata bene anche negli  allenamenti delle discipline veloci”.

E Giulia Paventa? “Come per le  tutte le veterane della squadra mi aspetto da lei un cambio di marcia:  in gara deve osare di più. Ha fatto ottimi allenamenti ed è al momento  quella più in forma, essendo cresciuta sotto il profilo tecnico”.  

Alessia Timon è la velocista della squadra del Comitato FISI Alpi  Occidentali. “Ha lavorato molto sulla preparazione atletica, per  curare gli acciacchi alla schiena e le carenze. - spiega Platinetti -  Sugli sci ha mostrato una condizione in crescendo. Putroppo ha subìto  uno stiramento al flessore e deve stare ferma e a riposo per venti  giorni. Riprenderà a fine novembre”.

Secondo il coach delle piemontesi, Valentina Eydallin ha alternato bellissime prove in  allenamento a prestazioni meno performanti. “Stiamo ancora lavorando  sul giusto set up dei materiali. - conclude Platinetti - Al momento  non è al 100% ma questo per lei sarà  l’anno della verità”.

Veronika  Calati è segnalata dall'allenatore in crescendo di forma: “ha fatto  una bellissima prima parte di allenamenti estivi, poi si è un po’  spenta nel mese di ottobre ed ora sta sciando di nuovo in modo  efficace, soprattutto in Gigante. Sta  prendendo confidenza anche con  gli sci lunghi”.

Quanto a Sara Allemand, “ha fatto ottimi allenamenti  estivi e spesso è risultata la più veloce in Gigante, alternando belle  prove anche in Slalom”.

Purtroppo nel primo raduno di Hintertux Sara ha subìto una microfrattura al piatto tibiale. Tra una decina di  giorni potrà riprendere la preparazione. “Conto di averla pronta a  metà dicembre per l’inizio del circuito istituzionale” confida  Platinetti. È invece attualmente infortunata Chiara Cittone, a seguito  di una piccola lesione al legamento crociato durante un allenamento a  Les Deux Alpes. Potrebbe riprendere l'attività a fine dicembre e  tornare in pista a febbraio. La cuneese Angelica Bonino, secondo  Platinetti “ha fatto ottimi allenamenti soprattutto in Slalom, dove è  competitiva. Deve crescere in consapevolezza e credere di più nelle  proprie possibilità. Sta bene fisicamente, ma in Gigante e Super-G  deve essere più determinata”.

A proposito delle “new entry” della  squadra. “Martina Piaggio, dopo una prima parte estiva un po’  sottotono sta crescendo in condizione. - afferma il tecnico del  Comitato AOC - In Slalom ha fatto vedere ottime sequenze. Deve  crescere  anche fisicamente e può fare bene anche in Gigante”.  

Charlotte Audibert ha un carattere molto deciso.- secondo  l'allenatore - Ha lavorato e sciato molto nell’estate. È una  slalomista adatta ai percorsi filanti. È veloce, ma fa ancora fatica e  non riesce ancora ad essere efficace nelle pendenze più accentuate e  nei percorsi segnati”.

Infine dal tecnico del Comitato FISI Alpi Occidentali un grande “in bocca al lupo” a Serena Viviani, che  purtroppo è infortunata ed è stata costretta a sottoporsi nuovamente a  una cooperazione ad un ginocchio.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore