/ Calcio

Calcio | mercoledì 15 novembre 2017, 13:24

Eccellenza - Albese, parla Varvelli: "Il gol? È più importante che la squadra esca da questa situazione di classifica"

L'attaccante ha parlato a pochi giorni dalla difficile trasferta di Saluzzo: "Il centenario della società è una motivazione in più a far bene; il gol? Non mi manca, sto lavorando per la squadra"

(Foto di Federico Rava per il sito dell'Albese)

(Foto di Federico Rava per il sito dell'Albese)

Due vittorie consecutive tra le mura amiche per l’Albese, che grazie ai successi su Rivoli e Pinerolo, ha risistemato un po’ la sua classifica e punta ora a uscire dalla zona playout.

«Quella di domenica è stata una vittoria fondamentale – ha affermato l’attaccante Giancarlo Varvelli a Campioni.cnperché abbiamo bisogno di fare punti, specialmente in questo momento nel quale abbiamo una classifica difficile. È stata una boccata d’ossigeno e possiamo guardare avanti con fiducia, perché la classifica è molto corta. Si può passare dall’essere giudicati come dei “morti” alla zona medio-alta della classifica in un attimo. Noi dobbiamo riuscire a fare molti punti prima della pausa invernali, per chiudere un girone d’andata non stellare, avendo però portato fieno in cascina per ottenere una salvezza tranquilla, che era il nostro obiettivo a inizio stagione».

Varvelli e i suoi compagni tengono in modo particolare a questa stagione, nella quale l’Albese festeggia il suo centenario. «È un anno storico per la società – ha ricordato l’attaccante – e sentiamo una grande responsabilità, perché dobbiamo fare bene per onorare questa maglia. Poche settimane fa c’è stata una grandissima festa, alla quale hanno partecipato le autorità cittadine, tanti ex giocatori, i ragazzi del settore giovanile, i vertici societari e tanti semplici appassionati. Abbiamo capito quanto sia importante questa stagione per l’Albese. Non possiamo permetterci di andare male, abbiamo una motivazione in più. Certo il campionato non è partito bene, ma abbiamo iniziato a tirare su la testa, perché abbiamo un occhio di riguardo verso questi cento anni di storia».

Domenica, però, l’Albese è attesa da una gara molto complicata sul campo del Saluzzo. «Questa sfida arriva al momento giusto – ha ammesso Varvelliperché domenica scorsa abbiamo dimostrato di aver trovato un’identità di gioco. Quello sul campo della capolista sarà un bellissimo test, perché ci troveremo ad affrontare una squadra molto forte, che segna tanto e subisce poco. Noi la prepareremo al meglio, andremo lì per giocarcela e cercare di portare a casa più punti possibili. Ce la metteremo tutta, poi vedremo ciò che arriverà».

Varvelli da anni segna gol a ripetizione, ma nell’ultimo periodo sta faticando a trovare la via della rete, è a digiuno ormai da cinque partite, con l’ultimo gol che risale alla sfida pareggiata 3-3 sul campo del Benarzole lo scorso 15 ottobre. L'attaccante però non è preoccupato: «Si, il gol mi manca abbastanza – ha spiegato – ma in questo momento sto lavorando molto di più per la squadra. Non a caso, anche se non ho fatto gol, sono comunque rientrato nelle ultime reti della squadra, guadagnandomi un rigore, degli angoli, oppure regalando assist ai compagni. L’importante per me è che la squadra vinca ed esca da questa situazione di classifica, poi sono convinto che prima o poi arriveranno anche i gol. Mi sto impegnando tanto, mettendomi a disposizione della squadra e facendo spesso anche un gioco diverso dal solito. Soltanto a fine anno guarderò quanto ho segnato, magari farò quindici gol nel girone di ritorno (ride, ndr)».

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore