/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | 14 dicembre 2017, 12:06

Bra, con l'Arconatese primo gol giallorosso di Andrea Gasbarroni. La passione per il calcio come un elisir di eterna giovinezza: "Ho la fortuna di fare come lavoro quello che amo..."

Gasbarroni ha ormai trovato la condizione: ottima notizia per Daidola, pessima per gli avversari. Il fantasista classe '81: " La mia carriera mi rende orgoglioso e sono contento di giocare ancora"

Gasbarroni in gol contro l'Arconatese (foto lusso)

Gasbarroni in gol contro l'Arconatese (foto lusso)

Prima rete con la maglia del Bra per Andrea Gasbarroni. Le sue prestazioni erano in crescendo da almeno un mese e contro l'Arconatese è arrivato anche il gol, quello del raddoppio. 

Il fantasista classe '81 sta ritrovano la piena condizione diventando, automaticamente, un valore aggiunto per la sua squadra ed un tormento per gli avversari.

 

Fin superfluo evidenziare le qualità tecniche di Andrea Gasbarroni, la sua carriera parla chiaro. 121 presenze (e 16 gol) in Serie A, 116 in B (10 gol), 87 (28 gol) in Lega Pro. Ma anche 10 presenze  (1 gol) in Coppa Uefa con le maglie di Sampdoria e Parma; 8 presenze e 2 gol con la maglia dell'Italia Under 21; 3 presenze con l'Italia alle Olimpiadi del 2004 (nell'ultima partita, contro l'Argentina, c'erano in campo mostri sacri del calcio mondiale come Pirlo, Mascherano, Teveze, De Rossi).

Andrea Gasbarroni continua ad essere innamorato del pallone: "Sono contento di aver fatto gol con l'Arconatese, è sempre bello segnare anche se non sono un centravanti. E' un momento positivo, vogliamo continuare così. Sono abbastanza soddisfatto della mia prima parte di stagione, ci ho messo un po' ad ambientarmi ed ingranare dopo aver saltato la preparazione. Ora sto bene fisicamente, mi diverto a giocare. A Bra mi trovo benissimo, è un ambiente ideale per fare bene. Società, staff tecnico, compagni, è tutto perfetto per lavorare al meglio. Ci possiamo togliere delle soddisfazioni importanti, siamo sulla strada giusta. Motivazioni in Serie D dopo una carriera ad alti livelli? Ho entusiasmo, amo quello che faccio. Ho questa passione dentro che mi spinge ed ho la fortuna di fare come lavoro il gioco che amo. La mia carriera mi rende orgoglioso e sono contento di giocare ancora."


 

 

 

sdl

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium