/ Altri sport

Altri sport | 16 marzo 2018, 12:56

A Barge c’è “In campo per la vita”: due giorni di sport e sensibilizzazione alla donazione di organi

In paese anche la Nazionale italiana di Pallavolo formata da trapiantati e dializzati dell’Aned, che si confronterà con le realtà locali “Monviso Volley Barge” e con la squadra femminile di Volley serie C

La nazionale Aned

La nazionale Aned

Barge, sabato e domenica, scende “In campo per la vita”, con una due giorni organizzata dal gruppo Aido - Associazione Italiana per la Donazione degli Organi, Tessuti e Cellule – che raggruppo Barge, Bagnolo Piemonte ed i Comuni della Val Po.

Intendiamo sensibilizzare su un tema di grande rilievo – spiega il presidente Aido Bruno Votterovale a dire quello del consenso alla donazione degli organi dopo il decesso, al fine di ridurre la lista di attesa delle circa novemila persone che ogni anno aspettano nella sofferenza di poter ritornare a vivere grazie al trapianto”.

E per raggiungere questo scopo, in paese arriverà la Nazionale italiana di Pallavolo formata da trapiantati e dializzati dell’Aned (Associazione Nazionale Emodializzati e Trapiantati).

Le attività prenderanno il via già nella mattinata di domani (sabato), quando i vertici Aido e la Nazionale Ande incontreranno gli studenti del Liceo “Bodoni” di Saluzzo, con testimonianze di chi, tramite lo sport, si è preparato o si prepara al trapianto.

Poi, nel pomeriggio, il fulcro dell’evento diventerà il palazzetto dello sport di Barge. Alle 15.50 allenamento congiunto e partita tra la Nazionale Ande e la “Monviso Volley Barge”.

Alle 17.15, la conferenza stampa.

Illustreremo – continua Vottero - l’importanza di un dono così grande, che non costa nulla, e attraverso il quale è stata restituita la vita finora ad almeno 70mila persone in Italia, delle quali circa 45mila vivono ancora ora, dopo anni o addirittura a decenni dal trapianto. E vivono una vita piena di affetti, di lavoro, di relazioni, di serenità e gioia”.

Presenzierà all’incontro con la stampa anche Piera Comba, sindaco di Barge e l’Amministrazione comunale. “che si è subito resa disponibile ad offrire il patrocinio e la collaborazione all’iniziativa” sottolineano i vertici Aido.

Domenica, invece, la Nazionale disputerà un incontro con la squadra femminile “Volley Barge”, militante in serie C.

Grazie al Comune, dunque, ed in particolar modo alla Nazionale italiana Pallavolo Trapiantati e Dializzati Aned Sport – aggiunge il presidente del gruppo Aido - che hanno accolto con entusiasmo l’invito di venire a Barge, seppur piccola realtà rispetto alle città dove fanno eventi da oltre 20 anni”.

Tra le sue iniziative, l’Aned promuove infatti lo sport come pratica essenziale e terapeutica per tutti i pazienti, organizzando su tutto il territorio nazionale eventi sportivi.

Annualmente vengono organizzati i Giochi nazionali rivolti a dializzati e trapiantati di ogni organo, con partecipanti di ogni età, nelle specialità sportive di Atletica, Nuoto, Ciclismo, Volley, Tennis, Tennis tavolo, Petanque e Bowling. L’ultima edizione, quella del 2017, si è svolta a Bra.

Un’opera che, in tandem con quella dell’Aido, può dare grande risultati. In provincia di Cuneo, infatti, l’Aido negli anni è riuscita a mettere in piedi una rete capillare, grazie ai tanti gruppi comunali diffusi su tutta la Granda, e punta ora ad arrivare a quota 20mila soci.

Il gruppo di Bagnolo Piemonte, Barge e della Valle Po conta 812 soci, raccolti in questi primi 26 anni di attività, durante i quali sono state “informati” oltre 6mila studenti delle scuole secondarie di primo grado, mentre negli ultimi anni gli incontri stanno coinvolgendo anche gli studenti dell’Alberghiero di Barge.

Molto resta ancora da fare – conclude Vottero - ma i dati citati dimostrano come la rete trapiantologica, di cui Aido fa parte, e la società tutta, devono continuare a impegnarsi fortemente per promuovere la cultura della donazione al fine di soddisfare il maggior numero di richieste possibili.

Non dimentichiamo che ognuno di noi potrebbe averne bisogno in futuro, quindi l’essere favorevoli alla donazione permette di aumentare gli organi disponibili e garantire in futuro, se ce ne fosse bisogno per noi o per un nostro caro, la possibilità del trapianto.

Un grazie va ancora al Monviso Volley Barge che tramite i suoi atleti condivide i nostri valori, alla Proloco che collabora all’evento, a tutti gli sponsor che ci permettono di realizzare l’iniziativa”.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium