/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | 22 marzo 2018, 12:28

Eccellenza, Girone B - Atletico Torino-Pro Dronero, Beccacini: "Pareggio che riempie d'orgoglio per il difficile contesto ambientale in cui è arrivato"

Il presidente dei Draghi: "Un punto che potrebbe essere decisivo nella volata per il primo posto; il 2-2 mi ha reso più felice dopo la vergognosa aggressione subita da un nostro anziano tifoso"

Eccellenza, Girone B - Atletico Torino-Pro Dronero, Beccacini: "Pareggio che riempie d'orgoglio per il difficile contesto ambientale in cui è arrivato"

Al termine del match pareggiato 2-2 dalla Pro Dronero sul campo dell'Atletico Torino, mister Dessena aveva parlato di un buon pareggio. Sulla stessa lunghezza d'onda anche il presidente Corrado Beccacini nel comunicato da lui mandato: «Accogliamo con soddisfazione il punto conquistato in rimonta sul campo dell'Atletico Torino - ha esordito il presidente dei Draghi - con le reti di Niang e Davide Isoardi che hanno vanificato il vantaggio iniziale dei torinesi ottenuto attraverso un rigore molto dubbio e la successiva rete del 2-1, che aveva illuso la formazione torinese riguardo alla possibilità di conquistare addirittura il bottino pieno a pochi minuti ormai dal termine dell' incontro. Ancora una volta è arrivata una grande prova di carattere dei miei ragazzi, capaci di riprendersi rabbiosamente un meritatissimo pareggio, che a conclusione del campionato potrebbe anche essere decisivo nella volata per il primo posto».

Il presidente ha poi denunciato un fatto avvenuto nel corso della partita: «In quanto alla vergognosa aggressione subita da un nostro anziano tifoso - ha proseguito Beccacini - scaraventato con la schiena a terra contro i gradini della Tribuna da un dirigente locale approfittando anche dell'assenza delle Forze dell'Ordine, e gli insulti tanto violenti quanto gratuiti contro la squadra e la nostra tifoseria, credo che la migliore risposta sia stata data sul campo, con il goal del 2-2 realizzato quasi allo scadere che ci ha giustamente riempito di legittimo orgoglio per il difficile contesto ambientale in cui è maturato. Grandi Draghi, è così che vi vogliamo».

G.C.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium