/ Arti marziali

Che tempo fa

Cerca nel web

Arti marziali | venerdì 19 ottobre 2018, 08:45

Kickboxing - "Grazie ai bulli ora vesto l'azzurro": il monregalese Zakaria Lamrhari agli Europei di Bratislava

Il 22enne ha iniziato a praticare kickboxing da bambino per difendersi dal bullismo e adesso è stato convocato in Nazionale per prendere parte alla rassegna continentale, dalla quale purtroppo è già stato estromesso. "Non importa, quest'esperienza mi aiuterà comunque a crescere"

Zakaria Lamrhari (immagine FIKBMS)

Zakaria Lamrhari (immagine FIKBMS)

"Per me vestire la maglia azzurra è un sogno che si realizza, una grande emozione, un vero onore": brillano di luce propria gli occhi di Zakaria Lamrhari, giovane atleta della Nazionale italiana di kickboxing, mentre si concede alle telecamere e ai microfoni della pagina Facebook ufficiale della FIKBMS (Federazione Italiana Kickboxing, Muay Thai, Savate, Shoot Boxe e Sambo) a margine della seconda giornata di gare degli Europei di Bratislava.

D'altro canto, la storia di questo 22enne potrebbe essere etichettata come la più classica delle favole di provincia: Zakaria proviene infatti da Mondovì, dove ha iniziato a praticare kickboxing circa 14 anni fa.

Una disciplina di cui si è perdutamente innamorato è dalla quale non ha più saputo separarsi, anche per una forma di autodifesa: "Per me questa disciplina ha rappresentato sempre uno stimolo, un'autentica passione, anche se ho iniziato a dedicarmici per difendermi dal bullismo - ha rivelato -. Ero costantemente bersagliato e volevo soltanto dimagrire. Ora, invece, ho scoperto che la kickboxing è anche ciò a cui voglio dedicarmi nella vita".

La convocazione in Nazionale rappresenta l'autentico coronamento di un percorso personale in continua ascesa, anche se purtroppo il monregalese è stato estromesso dalla kermesse continentale: "Non importa - ha commentato -, gli Europei mi aiuteranno comunque a crescere, al di là del risultato. Ne farò tesoro per il futuro".

Infine, una chiosa personale: "Nella vita di tutti i giorni lavoro in fabbrica come operaio, 5 giorni su 7. Cucinare? No, sono negato. Il mio rapporto con la lettura? Amo i manga".

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore