/ Altri sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Altri sport | martedì 27 novembre 2018, 14:07

Rugby, Coppa di Francia: scivolone per i gallinacci saluzzesi contro lo Cheval Blanc

I francesi espugnano Manta: il match si conclude 6 a 16 per i cugini ospiti

Rugby, Coppa di Francia: scivolone per i gallinacci saluzzesi contro lo Cheval Blanc

NWR – CHEVAL BLANC 6-16

NWR: 1 Olocco, 2 Giunta, 3 Radosta O.G., 4 Radosta P., 5 Torre, 6 Kadel, 7 Martino, 8 Grosso, 9 Moressa, 10 Grasso, 11 Tallone F., 12 Tesini, 13 Berganton

A disp: 14 Ragusa, 15 Sassoletti, 16 La Porta, 17 Giorgis

All. Albertini Christian

 

Sulla scia della prima storica vittoria in terra francese, i gallinacci sono chiamati a provare una nuova impresa contro una formazione particolarmente ostica come lo Cheval Blanc, nel prestigioso primo turno della Coppa di Francia Orfani di una grande quantità di assenza importanti (mancano all’appello per indisposizioni, infortuni ed impegni vari Primerano, Pattaro, Tallone M., Lennox, Testa, Mairone e cap. Bruzzone) il coach schiera una formazione “sperimentale”, composta da molti ragazzi giovani, promettenti anche se con poca esperienza.

Di fronte a loro una sfida decisamente complicata, con un avversario in grande forma e di una categoria superiore (nel sorteggio della Coppa di Francia è possibile “pescare” avversari militanti nel livello più alto), sino a qui imbattuta nella stagione, decisamente avvantaggiata nei pronostici.

Prima di dare il via alla gare, gli atleti di entrambe le formazioni rispettano un minuto di silenzio in favore della “giornata contro la violenza sulle donne”, indossando le pettorine dello Zonta, associazione dedicata alla difesa dei diritti del mondo femminile. Con la stessa associazione è stato creato il nuovo calendario 2019 della squadra, i cui proventi andranno in beneficenza proprio in favore della battaglia contro ogni genere di violenza.

Per avere maggiori informazioni sull’acquisto del calendario è possibile contattare i NWR alla mail info@saluzzorugby.it.

Il pubblico casalingo che accoglie il XIII italiano è numeroso e caloroso, come consuetudine di questa annata. I Roosters li ringraziano con una partenza coraggiosa e grintosa. Lo Cheval Blanc ha le carte in mano per fare male, con tecnica e organizzazione di gioco superiore, ma la difesa aggressiva e rude dei saluzzesi annulla ogni tipo di superiorità e porta la gara su un piano di equilibrio impensabile prima del fischio iniziale.

Gli avversari vengono bloccati prima di ogni loro tentativo di gioco al largo e non riescono in questa maniera a trovare il modo di esprimere al meglio le loro qualità. In attacco, è coraggiosa la prova degli avanti saluzzesi, che per tutta la prima fase non smettono di imporre un ritmo elevato, creando non poche difficoltà alla linea dei provenzali, che è costretta a stringere liberando spazi di campo nei quali i padroni di casa tentano di trovare un varco.

Attorno alla 38’, i Roosters passano in vantaggio. Al termine di una buon set offensivo a dieci metri dalla linea di meta, Olocco calcia con precisione in cerca della presa di Kadel, che schiaccia in meta tuffandosi oltre la linea, trasformando subito dopo (6-0) e chiudendo la prima fazione.

La seconda parte del match ha un inizio sfortunato. I NWR restano ben presto orfani, per infortunio, dei due pivot Olocco e Kadel, potendo affidare le chiavi di gioco solo a Martino. Il gioco dei padroni di casa diventa più lento e vengono commessi più errori, talvolta ingenui. Gli avversari ne approfittano, aumentano l’intensità in fase di attacco e riescono ad incidere su una difesa provata dalla dura prova alla quale è stata chiamata.

Lo Cheval Blanc riesce a pareggiare e poi andare oltre sul tabellino di gara, con due mete delle quali una sola trasformata (6-10 parziale). Con una prova di cuore ed orgoglio enorme la formazione “della Piuma” sceglie di non cedere è continuare a dare battaglia, nonostante venga privata anche di Ragusa, anche lui infortunatosi ad una mano. Attorno al 30’ sfuma una grande occasione, quando al termine di un set offensivo Martino calcia in area di meta e trova le mani di un compagno, a cui però l’ovale scivola dalle mani prima di trasformare la meta.

L’occasione mancata fa crollare i nervi del gruppo, che nei minuti finali subisce la terza meta di uno Cheval Blanc che esce esausto dalla sfida. Il fischio finale fa esultare i francesi, quasi increduli dagli esiti di una gara che appariva segnata e che invece è divenuta la scalata di una montagna ripida e tortuoso.

I nostri complimenti al NWR - le parole del tecnico transalpino - Questa squadra è cresciuta moltissimo nelle ultime stagioni ed oggi ci hanno messo in gravi problemi. Non ci saremmo immaginati una gara di questo tipo, tesa sino alla fine. Al termine del primo tempo abbiamo temuto di non essere in grado di poterla spuntare contro una formazione tanto convinta ed ostinata”.

Nominati Man of the Match “Acqua San Bernardo” due giocatori saluzzesi. Uno dei due, Radosta P., commenta: “E’ stata una bella partita, una vera e propria battaglia. Siamo orgogliosi di quanto fatto e siamo felici di aver potuto misurarci con una formazione leale e di qualità come lo Cheval Blanc. Stiamo crescendo di giorno in giorno ed i passi in avanti sono visibili a tutti. Ora sta a noi continuare a lavorare ed a progredire di questo passo”.

Prossimo appuntamento per i Roosters il 9 dicembre, nella gara casalinga contro RCC Caumont XIII.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore