/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| 14 gennaio 2019, 15:01

Una grande vittoria in rimonta sul campo di Trecate avvicina la Crocetta al terzo posto

Vinto per 10 punti un match che ad un certo punto sembrava ineluttabilmente perso

Una grande vittoria in rimonta sul campo di Trecate avvicina la Crocetta al terzo posto

Una grande vittoria. Perché arriva sul campo di Trecate, seconda in classifica e reduce, prima della sosta per le festività, dall’aver inflitto alla capolista Bra il primo stop stagionale; perché arriva al termine di una rimonta clamorosa dopo un avvio di gara che dire stentato è poco; e infine, ma non da ultimo, perché arriva nell’ennesima situazione di emergenza della stagione.

Alla palla a due infatti coach Arioli non ha Fontana, ma deve fare i conti anche con la precaria condizione di Arese, poi quasi subito con i precoci falli di Maino e infine, a 7 minuti dal termine, anche con l’infortunio alla mano che lo priva di Bonelli, fino a lì uno dei migliori insieme a Pasqualini e Conti. Nel quarto conclusivo però la Crocetta fa valere tutto il talento offensivo di Maino (13 dei 15 totali negli ultimi 10 minuti e mezzo)e s’impone anche grazie  alla ritrovata forma di un concretissimo Bergese.

Fin dalle prime azioni i gialloverdi faticano a trovare un equilibrio nel quintetto, ad imbastire il gioco e a sistemare le marcature: Tannoia Appendini (tripla) e Negri mettono subito il risultato dalla parte del Trecate: 9-2 al 2’, 11-4 al 5’.

Dopo il secondo fallo di Maino e l’ennesima persa, coach Arioli ci parla sopra e prova a rimescolare le carte. Ma i salesiani non riescono proprio a darsi una scossa: non lo fa neppure il 16-6, da tre, del trecatese Romano. Padrone assoluto del campo, il Trecate tocca anche, quasi indisturbato, il +16, sul 24-8 dell’8’, con Negri.

Negli ultimi 70 secondi del primo quarto e nei primi 10 del secondo  Pasqualini (bomba) e Bergese (due volte in area) danno un po’ di ossigeno allo score, riportando il distacco sotto i 10: 24-15. Giusto per qualche secondo, visto che Negri lo riscrive in fretta a 14 con un paio di iniziative personali: 29-15.

Sul 31-17 di Peroni, prova e riprova, un cambia di assetto dopo l’altro, la Crocetta trova finalmente la quadra cercata invano nei precedenti 13 minuti.

Nel break, animato anche da una difesa ora intensa e all’altezza della situazione, c’è tanto Conti, autore pure di una tripletta. Lo svantaggio ospite si riduce a 5 punti dopo i i canestri di Arese e Pasqualini che portano lo strappo a 0-9: 31-26.

Il Trecate ci mette una tappo con tre di Romano, ma il vento è tutto dalla parte della Crocetta: Bonelli recupera palla, Arese segna il 34-30, i ticinesi continuano a capirci poco e a viaggiare due marce sotto, e Conti rimette tutto in discussione al 17’ con un gioco da tre su assist del presentissimo Bonelli: 34-33. 

Poco dopo arriva anche il sorpasso, dall’arco, di Paqualini: 34-36 al 18 (il parziale complessivo è di 3-19).
La Crocetta subisce qualcosa a rimbalzo ma il match è un teso braccio di ferro. Per  7 minuti le squadre si alternano al comando, con il massimo distacco sul 43-46 a firma Pasqualini al 24’.
Peroni e Negri ribaltano il risultano per l’ultima volta dalla parte dei biancoblu novaresi. Alla tripla del 47-49 di Bonelli seguono un paio di giri di lancette di frenesia pura, risolti dagli ospiti con due liberi di Bergese e un attacco al ferro di Pasqualini.

La Crocetta coglie l’attimo e con Bergese e ancora Bonelli raggiunge il +10: 0-11 e 47-57.
Pasqualini mantiene inalterato il distacco, poi a cavallo della mezzora la ribalta se la prende tutta Maino: la doppietta da oltre la linea arcuata porta gli ospiti sul +12: 54-66.

Il Trecate si riorganizza, serra le fila, si fa rivedere a -6: respinto da tre dell’ottimo Bonelli che però dopo aver segnato il 62-72 è costretto ad uscire per la lussazione ad un dito della mano.

Ci sono ancora davanti 7 minuti, una vita. La Crocetta continua a non avere tiri liberi a disposizione, Maino però nel mirino le coordinate giuste da usare in uscita dai blocchi: 65-75 al 35’, poi altri due piazzati a respingere i tentativi di Romano e Peroni: 69-79.

Il Trecate torna a -8, Bergese due volte di fila lo allontana al massimo distacco della serata a 16 secondi dalla sirena: 70-83.

BASKET CLUB TRECATE-DON BOSCO CROCETTA 73-83

TRECATE: Negri 18, Appendini 5, Amodio 1, Bernardi 8, Tannoia 7, Bottacin 2, Romano 16, Pollione n.e., Nicolini, Di Carlo n.e., Peroni 17 Sanlorenzo n.e. All. Gambaro.

CROCETTA: De Simone 1, Bonelli 10, Bergese 14, Arese 4, Pasqualini 22, Taverna 2, Lissiotto n.e., Possekel 2, Conti 14, Bonadio 2, Maino 15, Giordana. All. Arioli.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium