/ Calcio

Calcio | 18 gennaio 2019, 16:31

Eccellenza - Stangata Saluzzo, Viale non ci sta: "Non ho insultato l'arbitro, è tutto sproporzionato!"

Il tecnico commenta la squalifica comminatagli dal giudice sportivo dopo Castellazzo-Saluzzo

Eccellenza -  Stangata Saluzzo, Viale non ci sta: "Non ho insultato l'arbitro, è tutto sproporzionato!"

Mister Silvio Viale è ancora attonito in seguito alla squalifica comminatagli dal giudice sportivo al termine di Castellazzo-Saluzzo di domenica scorsa.

Quattro turni a carico del tecnico, che vanno ad aggiungersi ai sei (!) per Provenzano e Serra, tre per Serino, più uno per Caula (espulso durante la partita).

Il giudice ha motivato così la squalifica ai danni del tecnico: "Allontanato dal campo per condotta gravemente irrispettosa, consistente nell'aver protestato nei confronti della terna arbitrale con espressioni volgari e platealmente denigratorie del loro operato. Alla notifica dell'espulsione rivolgeva insulti all'arbitro".

Viale, tuttavia, non ci sta: "No. Non ho insultato l'arbitro. Lo ripeto. Ho protestato, ma l'insulto è un'altra cosa. Non alleno proprio da ieri e mi arrabbio per questo...So cosa significa andare oltre, ma non l'ho fatto. La somma delle squalifiche che ha preso il Saluzzo è pari a sei mesi, come se ci fosse stata una rissa con Carabinieri, sputi, mazzate o feriti. Mi sembra decisamente tutto sproporzionato. Se qualcuno ha deciso per un giro di vite bisogna farlo saperlo a tutti in un altro modo, non così. Io dovrò stare fuori un mese e la società ora è costretta a cercare qualche svincolato, perchè siamo davvero troppo pochi in rosa a causa delle squalifiche. C'è qualcosa che non va".

Soluzioni? "Resto comunque fiducioso e mantengo un atteggiamento costruttivo. Io dico...mettiamoci tutti a guardare filmati, mettiamoci attorno a un tavolo a parlare di come vengono interpretati certi comportamenti, di quali siano i parametri di giudizio. Troviamo un'uniformità. Capiamoci di più. Arbitri di qua e noi dall'altra parte. Parliamo, parliamo ancora, perchè così non basta. C'è un clima di intolleranza generale, basta guardare i giornali o i social il lunedì e allo stesso tempo anche i comunicati il mercoledì".

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium