/ Volley

Che tempo fa

Cerca nel web

Volley | 23 gennaio 2019, 22:42

Coppa Italia Volley A2/M: La Synergy Arapi Mondovì si arrende alla corazzata Bergamo. L’Olimpia si impone per 3-1 e per i biancoblù svanisce il sogno della Finale

Gli uomini di Fenoglio lottano per tre sete mezzo, ma alla fine devono lasciare all'Olimpia Bergamo il biglietto per la finalissima di Coppa Italia. I Biancoblù escono comunque a testa alta

Una immagine del match (foto Ufficio stampa Olimpia Bergamo)

Una immagine del match (foto Ufficio stampa Olimpia Bergamo)

Nulla da fare! Il sogno della Synergy Arapi Mondovì di accedere alla finale di Coppa Italia sfuma sul teraflex dell’Olimpia Bergamo. Gli orobici superano i biancoblù per 3-1 e volano alla finalissima, dove incontreranno Piacenza, vittorioso su Brescia (3-0). I padroni di casa hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie prima di avere la meglio sulla formazione monregalese. Dopo aver perso i primi due set, gli uomini di Fenoglio hanno trovato le energie per reagire, conquistando con scioltezza il terzo parziale. Nel quarto set, infine, il momento cruciale della serata, con la Synergy, che dopo essersi portata avanti per 8-12, è praticamente crollata, consentendo ai padroni di casa di scappare via verso la vittoria. Morelli e compagni escono comunque dalla competizione a testa alta, ma anche con il rammarico di aver sfiorato l’accesso ad una storica Finale.

PRIMO SET: I lombardi partono con il piede giusto e vanno subito sul 4-1. Arriva pronta la reazione di Mondovì, che sfrutta la difesa a muro e si porta ad una sola lunghezza da Bergamo, sul punteggio di 6-5. Dopo l’errore in battuta di Kollo, gli orobici restano avanti di tre punti sul 13-10. Ancora muro biancoblù protagonista e dopo l’ace di Pistolesi la Synergy si porta addirittura in vantaggio sul 15-14. Break dei lombardi, che conquistano quattro punti consecutivi per il 18-15, che costringe coach Fenoglio a chiedere il time-out. Il trend non cambia, anzi sono i padroni di casa che allungano andando sul 20-15. I biancoblù non mollano e dopo un break di tre punti si avvicinano agli avversari. Sul 24-20 arrivano quattro setball in favore di Bergamo, ma il seguente attacco di Morelli è out e, dunque, è sufficiente  il primo tentativo per chiudere il parziale sul 25-20.

SECONDO SET: Primo punto di marca monregalese, prontamente pareggiato dall’attacco vincente di Garnica. Tre attacchi vincenti consecutivi di Borgogno consentono alla Synergy di restare in vantaggio sul 4-3. Biancoblù più attenti e precisi e il vantaggio monregalese sale a +3 sul 6-9. Dopo un efficace lungolinea di Romanov, i bergamaschi rosicchiano due punti agli avversari. La difesa dei padroni di casa non si mostra impeccabile e i biancoblù di Fenoglio ne approfittano per andare sul 10-13. Muro out di Bergamo e Synergy avanti 11-15. Morelli e compagni si lasciano recuperare e il punteggio torna in parità sul 18-18. Si continua a lottare punto su punto. Ancora situazione di equilibrio sul 22-22. Sorpasso bergamasco che conquista un setball sul 24-23. Occasione che viene subito annullata dalla schiacciata vincente di Morelli. Si va avanti ai vantaggi, fino all’errore difensivo dei monregalesi, che di fatto consentono all’Olimpia di chiudere a proprio favore il secondo set, questa volta sul punteggio di 28-26.

TERZO SET: La conquista del secondo set per Bergamo si traduce in una doccia fredda per la Synergy, che comincia il terzo parziale sotto 4-2. I biancoblù non mollano la presa e si portano a condurre 6-9. Mondovì avanti sul 12-14, ma subito ripresa dagli orobici.  Borgogno e compagni tornano a spingere e riescono a guadagnare un cospicuo vantaggio sul 16-22. Dopo l’attacco out di Romanov arriva il punto che consegna alla Synergy il set sul punteggio di 18-25.

QUARTO SET: Partenza equilibrata e punteggio di 4-4. Sorpasso Olimpia sul 6-5. Schiacciata vincente di Biglino e questa volta sono i monregalesi ad andare in vantaggio sul 8-9. Doppio muro vincente per la Synergy e l’ace di Borgogno portano il punteggio sul 8-12. Improvviso e inatteso crollo dei ragazzi di Fenoglio, che subiscono un passivo terrificante e vedono Bergamo scappare via sul 18-13. Ormai i padroni di casa sono vicini al successo e dopo l’errore di Borgogno, l’Olimpia guadagna sei matchball sul 24-18. Il primo tentativo viene annullato, ma alla seconda chance Bergamo chiude la contesa sul 25-19 e vola nella finalissima dove troverà Piacenza.

Matteo La Viola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium