/ Altri sport

Altri sport | 22 febbraio 2019, 15:46

Rugby: il Val Tanaro supera la Drôla, formazione dei detenuti del "Lorusso-Cutugno" di Torino

Una vittoria che segna un passo importante e che dimostra ai cuneesi stessi di cosa sono capaci se riescono a credere in se stessi

Foto generica

Foto generica

Un Val Tanaro totalmente convincente combatte e vince la DrôlaMolte volte si sente parlare di potenzialità inespresse di una squadra: possono dipendere da poca esperienza, da pochi allenamenti assieme, dalla mancanza di una guida.

I ragazzi del  Val Tanaro rugby non difettano sicuramente di nessuno di questi aspetti: hanno accumulato esperienza, hanno faticato tanto insieme e individualmente e hanno affrontato  squadre di piemonte, liguriae lombardia lungo il loro percorso.

Grazie ad alcune coraggiose scelte del coach Balcan sembra che tutta questa dinamite accumulata negli anni abbia finalmente trovato la scintilla che fadetonare tutto. L’innesco ci piace pensare che sia una semplice presa di coscienza delle proprie capacità, una maturazione che giunge provvidenziale a seguito di tante brucianti sconfitte.

Inutile comunque pensarci troppo: quel che conta è che i cinghiali sembrano davvero aver cambiato marcia.

Arriviamo così alla partita di domenica: la squadra da affrontare è La Drôla, formata da detenuti del carcere Lorusso- Cutugno (ex Vallette)di Torino, trasferta obbligata e da non sottovalutare , specie per quanto riguarda la componente fisica dello scontro: la squadra di casa non tarda infatti a segnare la prima meta a pochi minuti dal fischio di inizio, come fosse un guanto lanciato al Val Tanaro già vincente nella partita di andata.

Raccolta la sfida, i cinghiali si danno subito un’organizzazione mirabile: attenti e aggressivi in difesa come forse mai prima d’ora, costanti e concentrati  in attacco. Dominano assolutamente in touche giocano alla pari in mischia chiusa, mentre i tre quarti lavorano di fino creando tante occasioni di marcatura e piazzando calci di punizione tra i pali.

Iniziano così ad arrivare anche le mete: a Vallauri, che segna dopo una lunga serie di fasi statiche segue a stretto giro Giraudi, in meta su una ribattuta veloce su punizione. Ma anche i padroni di casa reggono il ritmo, dato che il primo tempo finisce con un poco rassicurante 18-20; ma non c’è motivo di temere: la concentrazione dei cuneesioggi non si può intaccare.

È nel secondo tempo infatti che il VTR dilaga: evita con enorme grinta un paio di mete che sembrano già schiacciate a pochi centimetri dalla linea, non sbaglia quasi nulla e recupera con lucidità ogni errore commesso e infine va ancora in meta con una splendida azione filtrante del secondo centro Bianco e poi con l’ala Tamburi, guadagnandosi così una vittoria per 18-32 dove ogni meta è giunta da un lavoro di concerto tra avanti e tre quarti nonché dalla costanza e dalla volontà dei singoli giocatori. Ringraziamenti  doverosi alla Drôla per la battaglia e per l’ottima e abbondante pizza del terzo tempo preparata nel panificio all’interno della casa circondariale.

Dopo le prestazioni grigie delle ultime partite questa vittoria segna un passo importante nella storia del Val Tanaro Rugby, una pietra miliare a ricordo di quello che la squadra è capace di dimostrare se solo crede in se stessa.

Appuntamento la settimana prossima in casa a Farigliano dove i cinghiali affronteranno il Volvera.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium