/ Arti marziali

Arti marziali | 06 marzo 2019, 09:17

Arti marziali, judo: nuove "cinture nere" per la bovesana Yamato

Gli esami per il I Dan si sono tenuti nel pomeriggio di mercoledì 27 febbraio scorso

Arti marziali, judo: nuove "cinture nere" per la bovesana Yamato

Le nuove «cinture nere» dello «Yamato»

Il gruppo sportivo dello judo bovesano, lo «Yamato», «Grande Giappone», ha organizzato cerimonia di consegna dei diplomi a tre giovani allievi arrivati, dopo il previsto esame, alla «cintura nera», il loro «primo livello», «I Dan», lo scorso mercoledì 27 febbraio, nel tardo pomeriggio, tra le due lezioni sempre previste il mercoledì ed il venerdì, nella palestra piccola delle Scuole Medie.

È un grande successo anche per il maestro Leonardo Nicosia, che continua a far crescere quarantina di giovani, e «giovanili», in quello che non è solo sport, ma anche filosofia, disciplina di approccio alla vita. I diplomi, ora anche appesi alle pareti della palestra, sono andati a Lara Fantino, Stefano Dalmasso e Francesco Satta.

Il presidente Mario Ambrosoli, che sta preparando anche i prossimi festeggiamenti per il cinquantenario della Associazione, ha invitato rappresentanti della Amministrazione, arrivati numerosi (dal sindaco Maurizio Paoletti, al consigliere delegato allo sport Giovanni Pepino, al consigliere Alfredo Dalmasso, anche zio di un premiato), ma, pure, ha voluto al suo fianco i presidenti storici e le persone importanti del passato del gruppo: dal cofondatore Luigi Taffuti (commosso a ricordare i primi anni di vita del sodalizio), a Carlo Moglia, sempre vicino, pur tra gli impegni famigliari e nonostante la residenza ligure, a Franco Giraudo, lungamente in carica come Presidente, successore di Moglia, a Gino Brachelente, per tanto Maestro.

Presenti erano anche il nuovo delegato provinciale Manuela Gandolfo (in passato lo son stati anche Gino Brachelente e lo stesso Mario Ambrosoli), quello regionale Valter Piano, il presidente regionale Fabrizio Marchetti (dalla sciolta favella, che ha ricordato l’importanza dell’impegno dei ragazzi ma anche della disponibilità dei genitori).

Da tutti sono arrivati, copiosi, i complimenti e ringraziamenti a Mario Ambrosoli, da sempre anima e mente della Associazione, che mai ha «mollato», anche nei momenti più difficili. Maurizio Paoletti ha espresso l’orgoglio bovesano per il gruppo.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium