/ Altri sport

Altri sport | 22 marzo 2019, 14:50

Rugby: i galli saluzzesi rivendicano la sconfitta d'andata con i Pamiers

Paolo Radosta: "E’ il gruppo la nostra forza, con questo andiamo avanti e con questo ci stiamo prendendo queste soddisfazioni importanti. Ci sono voluti tre anni, ma finalmente oggi Saluzzo inizia ad essere un nome importante nel mondo del rugby league internazionale"

Rugby: i galli saluzzesi rivendicano la sconfitta d'andata con i Pamiers

NWR vs PAMIERS XIII 18-17

(Mete: Moressa, Tallone, Olocco . Trasformazioni. Kadel – 6 punti)

Formazione: 1 Kadel, 2 Olocco, 3 Radosta O.G., 4 Celerino, 5 Tallone M., 6 Martino, 7 Pattaro, 8 Grosso, 9 Moressa, 10 Mairone, 11 Tallone F., 12 Lennox, Berganton.

A disp: 14 Radosta P., 15 Giorgis, 16 Grasso, 17 Mattio

Allenatore: Albertini


In un sabato pomeriggio dalle temperature più che gradevoli, va in scena presso il Centro Sportivo di Manta la sfida fra i North West Roosters saluzzesi e la forte compagine catalane del Pamiers.

Nel corso della sfida di andata, in terra francese, i gallinacci non avevano avuto scampo, subendo una sconfitta amara. In quell’occasione furono decisive alcune assenze, ma soprattutto la scarsa organizzazione difensiva. Negli ultimi trascorsi i ragazzi di mister Elio Giacoma hanno ad ogni modo mostrato miglioramenti netti ed ampi, culminati con l’exploit della vittoria sul St. Esteve della scorsa settimana, in trasferta a Perpignan. Buoni segnali che fanno sperare in un confronto più equilibrato.

L’inizio del match vede i padroni di casa subire notevolmente le sferzate di attacco avversarie. Il Pamiers sfrutta la prepotenza fisica di alcuni dei suoi elementi per cercare di aprire varchi nella difesa italiana, creando non poche complicazioni. Il piglio difensivo dei Roosters è corretto, ma sono troppo rari i momenti in cui la formazione “della Piuma” riesce a portarsi in avanti giocando in attacco e dando respiro e lucidità mentale al proprio gioco. Dal canto loro, gli avversari  transalpini sono bravi nell’approfittare dell’empasse e riescono ad andare per due volte in  meta.

La prima fazione si chiude sullo 0-13. I saluzzesi chiudono con gli ultimi cinque minuti di attacco serrato, dando buone speranze per il ritorno in campo. Il risultato può apparire come compromesso, ma i progressi in maturità mentale del Saluzzo prendono forma e permettono di recuperare una situazione apparentemente difficoltosa. Scesi in campo con grande determinazione, i saluzzesi premono da subito il piede sull’acceleratore.

Sugli sviluppi di una punizione in favore, Kadel trasforma un piazzato da due punti. Poco dopo, arrivati a pochi metri dalla linea di meta, è Moressa ad eludere con la sua tipica finta la difesa ed a schiacciare per primo in meta, portando il parziale sull’ 8-13. Il pallino del gioco passa in mano ai saluzzesi che spingono con decisione per rimontare e chiudere il match. Al 70’ è Tallone a sfondare le difese avversarie con una penetrazione offensiva prepotente ed a schiacciare in meta. Kadel non fallisce la trasformazione ed i Roosters passano in vantaggio (14-13).

I catalani sono avversario dalle grandi capacità, decisamente difficili da costringere alla resa. Con grande forza di volontà riescono ancora a trovare la via della meta, con un’azione personale del loro estremo. Sembra il punto finale di una partita combattuta, il cui risultato favorevole appare sfumato per gli italiani.

Il cuore “della Piuma” batte ancora forte però, ed il Saluzzo, nonostante il poco tempo rimasto a disposizione, resta per tutto il tempo rimanente negli ultimi metri avversari, alla ricerca della meta decisiva. Infine, proprio nell’ultima azione della gara, al quinto e finale set, Kadel calcia in cerca della presa di Olocco. La promettente ala non manca l’appuntamento ed intercetta l’ovale in area di meta, schiacciandolo per il definitivo score di 18-17.

Il Centro Sportivo di Manta esplode di gioia, incredulo. Arriva così anche la prima vittoria casalinga della stagione, la quarta totale nella stagione più vincente da quando i NWR giocano il campionato internazionale. Un’affermazione davvero importante, che sposta gli equilibri nel campionato e porta i piemontesi a diventare la terza forza del campionato, un risultato davvero insperato ad inizio stagione. Nervosismo finale a fine del match per gli ospiti, incapaci di accettare una sconfitta sul campo che proprio non avevano preventivato. Per i NWR è invece un tripudio di gioia collettiva.

Indubbiamente un grande risultato collettivo. Una grande prova di tutto il gruppo, che sta maturando e crescendo assieme. E’ il gruppo la nostra forza, con questo andiamo avanti e con questo ci stiamo prendendo queste soddisfazioni importanti. Dall’inizio di questa esperienza l’obiettivo era crescere e portare in alto il nome del nostro territorio. Ci sono voluti tre anni, ma finalmente oggi Saluzzo inizia ad essere un nome importante nel mondo del rugby league internazionale, il punto di riferimento e casa di questa disciplina in Italia. Oggi abbiamo vinto con il cuore e con la volontà di non mollare mai. Lo dovevamo a chi ci sostiene da sempre, ai nostri sponsor e alla nostra dirigenza. Lo dovevamo al pubblico ed ai nostri tifosi, in tutto il mondo. Lo dovevamo a noi stessi.  Non siamo ancora arrivati da nessuna parte, oggi l’obiettivo è continuare a crescere ed andare avanti, sempre di più”, le parole di Paolo Radosta. “Una vittoria che dedichiamo ai nostri compagni Michele Olocco e Alberto Berganton. Tutti e due ci salutano, prenderanno parte per la prossima stagione ai campionati di Rugby League in Australia. Un grande onore per tutto il gruppo saperli nella terra natia di questo sport per imparare e per rappresentarci. Ci mancheranno tanto, ma siamo entusiasti per loro”.

 

Prossimo match per i Roosters, ancora in casa, il 30 Marzo con gli ottavi di finale di Coppa Falcou, contro il Gratentour. Una partita che potrebbe apparire molto complicata, ma i saluzzesi ci stanno abituando a grandi exploit…

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium