/ Basket

Che tempo fa

Cerca nel web

Basket | 02 aprile 2019, 16:00

L’ NBA parla italiano: Gallinari e Belinelli alla conquista dei playoff

Le due più grandi sorprese di questa stagione sono state le squadre in cui giocano i due italiani impegnati oltreoceano

L’ NBA parla italiano: Gallinari e Belinelli alla conquista dei playoff

 

Quando mancano poche partite alla chiusura della regular season, mentre nella Eastern Conference la situazione è ancora incerta e sono diverse le squadre in lotta per un posto ai playoff, ad ovest la situazione è già delineata e le otto squadre già qualificate alla post season affronteranno gli ultimi incontri solo per guadagnarsi un posto migliore in classifica. Proprio ad ovest, le due più grandi sorprese di questa stagione sono state le squadre in cui giocano i due italiani impegnati oltreoceano: Danilo Gallinari, con i suoi Los Angeles Clippers, e Marco Belinelli, ritornato ai San Antonio Spurs alla corte di coach Popovich, hanno infatti sorpreso tutti e, ad oggi, si presentano ai playoff da possibili outsider.

Danilo Gallinari è alla sua miglior stagione in carriera

Danilo Gallinari, con ogni probabilità, sta disputando la sua migliore stagione da quando calca i campi della NBA. Dopo la cessione negli ultimi anni di Paul, Griffin, Jordan e, più di recente di Harris, per i Clippers, guidati da coach Doc Rivers, questa, doveva essere la stagione della rifondazione. Nessuno si aspettava che i Clippers potessero riuscire a qualificarsi ai playoff sin da subito: trascinati da un Gallo che è diventato il vero e proprio uomo franchigia, tuttavia, la squadra californiana è riuscita nell’impresa e, ad oggi, è a pochissime vittorie dalla conquista del terzo posto in classifica. Se, secondo le scommesse in Italia, la favorita assoluta alla vittoria della Conference resta Golden State, i Clippers, insieme a Houston, Denver e Oklahoma si candidano con prepotenza a dare del filo da torcere ai campioni in carica.

Marco Belinelli e il sistema San Antonio Spurs

I San Antonio Spurs, frutto del genio di coach Popovich, dopo aver chiuso il ciclo Duncan, Ginobili e Parker ed essersi privati anche di Leonard, si confermano uno dei fenomeni più misteriosi ed intriganti di tutto lo sport mondiale. Il sistema NBA, per come è strutturato, prevede che inevitabilmente gli anni d’oro delle franchigie possano durare, al più, tra i cinque e i sette anni. Gli Spurs, invece, incuranti delle statistiche e delle intenzioni della Lega, sono riusciti a conquistare i playoff per la ventiduesima stagione consecutiva. Per comprendere al meglio la grandezza dell’impresa degli Spurs basta pensare che la squadra di Popovich è entrata nella storia ed ha battuto il record di ventuno partecipazioni consecutive ai playoff che apparteneva ai Portland Trail Brazers, messo a segno tra il 1983 ed il 2003. Parte del merito di questo incredibile successo va sicuramente attribuito a Marco Belinelli, unico giocatore italiano ad aver già vinto un anello, proprio con la maglia degli Spurs, che, dopo la sua esperienza ai 76’ers è tornato in Texas alla corte di Popovich. Marco sembra essere l’uomo perfetto per il sistema Spurs e, anche in questa stagione, si sta confermando come uno dei migliori tiratori da tre della Lega, specialità in cui è riuscito a trionfare anche all’All Star Game.

L'NBA, dopo anni di delusioni, parla finalmente italiano e da amanti di questo splendido sport non ci resta altro da fare che goderci lo spettacolo dai playoff che, quest’anno, si preannuncia più interessante che mai.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium