/ Ciclismo

Ciclismo | 14 maggio 2019, 09:48

El Diablo Claudio Chiappucci pedalerà al fianco dei partecipanti al Bike Festival della Nocciola

Nel weekend Chiappucci pedalerà al fianco dei partecipanti all’evento di Santo Stefano Belbo

El Diablo Claudio Chiappucci pedalerà al fianco dei partecipanti al Bike Festival della Nocciola

Santo Stefano Belbo (Cuneo) - Claudio Chiappucci è un campione che vive a ritmo indiavolato anche a 56 anni. “Riposare? Non riesco, sono sportivo nell’anima, ho bisogno di svolgere attività sportiva per sentirmi bene fisicamente. La bicicletta e il ciclismo sono la mia vita. Elementi che mi hanno fatto conoscere in tutto il mondo e non mi staccherò mai da loro”. 

Sabato e domenica prossimi Chiappucci sarà ospite del Bike Festival della Nocciola.

Grande protagonista degli anni a cavallo tra fine ’80 ed inizio ’90 in cui fece sognare il popolo del ciclismo con imprese uniche come la Milano - Sanremo 1991 in cui attaccò sul Passo del Turchino per imporsi sul traguardo di via Roma o la tappa del Tour de France 1992 da Saint- Gervais a Sestriere in cui attaccò a 200 km dal traguardo per imporsi in solitaria scrivendo una delle pagine più incredibili della storia del ciclismo. Nel suo palmares due secondi posti al Tour de France (1990 dietro a Greg Lemond e 1992 alle spalle di Miguel Indurain). Ha indossato la maglia a pois nelle edizioni del 1991 – 1992. Argento al mondiale di Agrigento alle spalle di Luc Leblanc e in tre occasioni ha sfiorato il successo al Giro d’Italia (1991 dietro a Franco Chioccioli, 1992 preceduto da Miguel Indurain e nel 1993 conquistò il terzo posto alle spalle di Indurain e Ugrumov). 

Nel weekend Chiappucci pedalerà al fianco dei partecipanti all’evento di Santo Stefano Belbo e dopo la fatica si intratterrà con gli appassionati per raccontare le sue imprese.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium