/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | 15 maggio 2019, 17:06

Calcio giovanile - Presentato a Villanova Mondovì il 9° Memorial Alberto Russo

Alla presenza di Giancarlo Camolese e Claudio Sclosa, svelati i dettagli dell'edizione 2019 del torneo

Giancarlo Camolese e Claudio Sclosa insieme alla squadra dell'Associazione Amici di Alberto Russo, formata da bambini delle quattro società in cui ha allenato Alberto: Tre Valli, Bisalta, Carrù-Magliano e Monregale

Giancarlo Camolese e Claudio Sclosa insieme alla squadra dell'Associazione Amici di Alberto Russo, formata da bambini delle quattro società in cui ha allenato Alberto: Tre Valli, Bisalta, Carrù-Magliano e Monregale

Si è svolta, presso la sala delle conferenze dell'Hotel Villa Cinzia di Villanova Mondovì, la conferenza di presentazione della nona edizione del Memorial Alberto Russo, tradizionale torneo di calcio giovanile (categoria Pulcini) che ogni anno richiama a Villanova Mondovì le migliori squadre professionistiche e dilettanti del panorama nazionale.

L'evento, condotto dal giornalista Andrea Falcetti, è stato introdotto dal saluto di Michele Pianetta, vicesindaco di Villanova Mondovì e assessore allo Sport, al Turismo e alle Manifestazioni.  

Il programma della nona edizione del Memorial è stato svelato dal presidente dell’Associazione Amici di Alberto Russo, Massimo Meynardi, che ha anche consegnato una targa di riconoscenza al procuratore ed ex calciatore Claudio Sclosa, socio dell’associazione, che da anni collabora con l’organizzazione del torneo grazie ai suoi contatti con le squadre professionistiche. Meynardi ha poi premiato il testimonial del Memorial Alberto Russo 2019, Giancarlo Camolese, che si è detto entusiasta del lavoro fatto negli anni per mantenere viva la memoria di Alberto. Hanno poi portato il saluto della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo il vicepresidente Ezio Raviola, presente insieme al consigliere Elvio Chiecchio, e Stefano Bonelli, allenatore e rappresentante della FIGC.7

«La nona edizione di questo Memorial - dichiara Massimo Meynardi, presidente dell’Associazione Amici di Alberto Russo – conferma per l'ennesima volta la continuità e l'importanza che ha acquisito il torneo nel corso del tempo. Anche quest’anno le squadre partecipanti sono di primissimo livello, dalla Juventus alla Roma, dall’Atalanta alla Fiorentina e al Genoa, passando per Sampdoria e Torino. Ci tengo a fare un ringraziamento ai numerosi sponsor che ci sostengono nell’organizzazione, insieme a Claudio Sclosa, e a Giancarlo Camolese, che quest'anno ha accettato di diventare il testimonial di questa manifestazione che tiene vivo il ricordo di Alberto»

Come da tradizione, anche quest’anno l’Associazione Amici di Alberto Russo ha deciso di porsi un altro obiettivo nobile e andrà ad effettuare, una volta terminato il torneo, una donazione al Centro Tumori di Cuneo (LILT), rappresentato in sala dal dott. Elvio Russi e dalla dottoressa Paola Adone.Per quanto riguarda le modalità del torneo, si comincia domenica 26 maggio, quando sul campo Comunale di Branzola 16 formazioni dilettantistiche si sfideranno in quattro gironi da quattro squadre. La prima di ogni girone accederà alla seconda fase, avendo la possibilità di sfidare, nel weekend dell'1-2 giugno, le formazioni professionistiche sopra elencate oltre alla squadra Associazione Amici di Alberto Russo, formata da ragazzi provenienti dal settore giovanile delle quattro formazioni in cui aveva militato Alberto (Monregale, Tre Valli, Bisalta e Carrù-Magliano).

Le 16 formazioni dilettantistiche che prenderanno parte alle sfide del 27 maggio sono: Albenga, Bra, Cairese, Chieri, Chisola, Cuneo, Fossano, Imperia, Lascaris, Legino, Mercadante, Olmo, Savona, Scarnafigi, Vanchiglia, Varazze.

 

ALBERTO RUSSO è cresciuto calcisticamente nel Vanchiglia; il suo percorso inizia come portiere, ma  l’allenatore Dallariva lo trasforma in attaccante. Si dimostra un centravanti di talento, tanto da essere scelto dalla Juventus, dove ha fatto la trafila delle giovanili: Allievi, Beretti e Primavera. Esordisce in prima squadra nella Juventus dei Causio, Bettega, Boninsegna, Morini e Scirea (tra i tanti) contro la Cremonese. Viene convocato da Trapattoni per la Coppa Italia a Lecce, ma durante una partita infrasettimanale si frattura il polso. Ha giocato in Serie D, allora categoria professionistica, nell' Imperia, nello Spoleto, durante il servizio militare, e nell’Aosta. Terminata la carriera professionistica intraprende la professione di odontotecnico. Ma la passione per il calcio rimane immutata: gioca in Promozione nel Cafasse, nel Seo Borgaro e, in seguito al trasferimento a Villanova Mondovì per motivi di lavoro, nella Carassonese. Chiude la carriera come giocatore in Seconda Categoria, nel Villanova, dove incomincia quella da allenatore. Alberto è stato un centravanti di grande potenza fisica, molto veloce e con un grande stacco di testa. Da Allievo nella Juventus sostituì, in un torneo in cui era impegnata la squadra Primavera, Paolo Rossi che era infortunato: nella finale contro la Sampdoria segnò il gol della vittoria per uno a zero. Nelle giovanili della Juventus è stato compagno di Gasperini, attuale allenatore dell'Atalanta.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium