/ Calcio

Calcio | 18 maggio 2019, 11:24

Serie C, scattano i playout: alle 18 il fischio d'inizio di Lucchese-Cuneo

Tra sette giorni il ritorno al Paschiero. Chi perde retrocede, chi vince accederà allo spareggio decisivo contro una tra Bisceglie e Paganese. Leggero vantaggio per i biancorossi che potranno contare su due risultati su tre nel doppio confronto per via del miglior piazzamento durante la regular season

Cuneo in azione contro la Lucchese (foto sito ac cuneo 1905)

Cuneo in azione contro la Lucchese (foto sito ac cuneo 1905)

L'attesa è finita, scattano i playout per la permanenza in Serie C. Cuneo e Lucchese si contendono la salvezza e sono pronte a dare battaglia. 

Primo atto: il doppio confronto del girone A (andata oggi alle 18 al Porta Elisa di Lucca, tra sette giorni ritorno al Paschiero).

Chi perde è retrocesso, chi vince accederà allo spareggio decisivo con la vincente di Paganese-Bisceglie (girone C). Biancorossi avanti in caso di parità di gol nei 180 minuti, visto il miglior piazzamento durante la regular season.

 

La Lucchese di Favarin ed il Cuneo di Scazzola arrivano a questo appuntamento dopo una stagione contrassegnata da situazioni analoghe. Grande confusione a livello societario (per usare un eufemismo) che hanno determinato pesanti penalizzazioni in classifica e rendimento positivo sul campo, tale da tenere viva la possibilità di confermare la categoria.

Prevedibile un ambiente molto caldo a Lucca, con tanti tifosi sugli spalti a spingere i padroni di casa. Compito della squadra di Scazzola non farsi condizionare e giocare come fatto durante la stagione, soprattutto in trasferta laddove sono arrivati risultati di prestigio e prestazioni importanti.

Nelle due sfide del campionato regolare pareggio 1-1 in Toscana (De Feo, Said) e vittoria della Lucchese al Paschiero (1-0, Bortolussi).

Curiosità: anche lo scorso anno il Cuneo affrontò i playout, nei quali riuscì a piegare la resistenza del Gavorrano conquistando la salvezza. Alla guida del Gavorrano (sconfitto 1-0 a Cuneo e fermato sullo 0-0 in Toscana) c'era proprio Giancarlo Favarin che oggi siede sulla panchina della Lucchese e che sogna la rivincita ad un anno di distanza.

sdl

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium