/ Calcio

Calcio | 26 maggio 2019, 11:00

Cuneo, triste risveglio in Serie D: disastro Lamanna, come si ripartirà?

Nonostante un bottino da playoff i biancorossi sono retrocessi in Serie D: impossibile fare fronte alle penalizzazioni subite durante la stagione. Società sotto accusa. E non mancano i dubbi sul futuro...

Cuneo, triste risveglio in Serie D: disastro Lamanna, come si ripartirà?

Triste risveglio in Serie D per il Cuneo, retrocesso al termine del doppio confronto playout contro la Lucchese. Dopo lo 0-2 di Lucca è arrivata anche la sconfitta al Paschiero nella gara di ritorno, chiusa tra le lacrime e le invettive dei tifosi contro il patron Roberto Lamanna.

Non servono particolari analisi per individuare le cause che hanno determinato l'amaro verdetto. La squadra ha disputato un campionato di grande spessore, accusando una certa stanchezza nella fase finale ma mettendo insieme la bellezza di 47 punti (più i tre della partita d'andata con il Pro Piacenza, poi escluso dal campionato ma in quel momento della stagione avversario vero e molto insidioso).

Bottino da playoff, corroso dai 21 punti di penalizzazione inflitti ai biancorossi per una imbarazzante serie di inadempienze societarie, tra stipendi pagati in ritardo, scadenze non rispettate, fideiussioni non conformi.

Problematiche mai ben spiegate dalla società che ha preferito minimizzare, nascondendosi dietro i buoni risultati sul campo. 

Basti pensare alla conferenza stampa di Lamanna al termine di Cuneo-Arzachena dello scorso 28 ottobre, nona giornata di campionato. Bobb aveva deciso la partita con un bel gol regalando i tre punti ai biancorossi, proiettati nella zona alta della  classifica. Erano trapelate, proprio in quei giorni, le prime voci relative a stipendi mancanti e debiti di varia natura della società (alberghi, fornitori etc.) e l'azionista di maggioranza rispondeva piccato ai giornalisti, parlando di semplici "errori" ed "incomprensioni con la banca", ma rassicurando tutti sulla rapida risoluzione dei problemi. Promesse non mantenute, visto il susseguirsi di sanzioni da parte della Lega.

Qui il VIDEO integrale della conferenza del 28 ottobre 2018

 

Non solo. L'ufficiale giudiziario ha pignorato gli ultimi incassi al Paschiero, evidentemente in seguito ad iniziative dei creditori. Qui si apre un altro doloroso capitolo della vicenda, ovvero i debiti e i decreti ingiuntivi a cui fare fronte. Altro scenario negato da Lamanna nella citata conferenza, laddove accusava: "Non abbiamo lasciato alcun debito, anzi abbiamo salvato degli alberghi."

Parole al vento, che ora si ritorcono verso il commercialista genovese, preso di mira dai tifosi allo stadio e sui social.

E adesso? 

Difficile ipotizzare scenari credibili per il futuro. Da capire come intenda muoversi l'attuale gruppo dirigenziale, di cui nessuno ha parlato in sala stampa dopo la partita con la Lucchese. Si riparte dalle macerie, da una grossa mole di debiti. Qualcuno è disponibile ad accollarseli per il bene dell'AC Cuneo 1905?  Con che tipo di progetto si riparte? Si riparte?

 

 

 

sdl

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium