/ Calcio

Calcio | 21 ottobre 2019, 16:35

Eccellenza: Pro Dronero-Giovanile Centallo 1-2, Beccacini non nasconde il proprio malumore per la direzione arbitrale: "Difficile commentare..."

La nota del presidente della Pro Dronero

Eccellenza: Pro Dronero-Giovanile Centallo 1-2, Beccacini non nasconde il proprio malumore per la direzione arbitrale: "Difficile commentare..."

Il presidente della Pro Dronero Corrado Beccacini, all'indomani della partita contro la Giovanile Centallo, persa per 2-1, non ha nascosto il proprio malumore circa l'operato del direttore di gara. Contestato anche il fatto che l'arbitro provenisse da Pinerolo, città di una squadra in lotta con i draghi ai vertici del girone B di Eccellenza.

Di seguito la nota inoltrata da Beccacini agli organi di stampa

"E' davvero difficile commentare una partita come quella tra la Pro Dronero e la Giovanile Centallo, condizionata da pesantissimi errori arbitrali, primo fra tutti la mancata concessione subito dopo la prima rete degli ospiti di un nettissimo rigore a favore dei Draghi per l'atterramento del giovane bomber locale Nicola Rastrelli, poi autore, nei minuti di recupero del goal piu' bello dell'incontro.

Lo sportivissimo pubblico dronerese, frenando la sua indignazione, ha saputo contenere le veementi pretese contro il Direttore di Gara, durate per piu' di un minuto, entro limiti di sostanziale correttezza ma cio' nulla toglie alla gravita' di quanto avvenuto, mitigata solo in parte dall'ammissione di questo errore decisivo per le sorti dell'incontro fatta da parte dello stesso Direttore di Gara appena terminata la partita.

Tra l'altro, certamente, non e' sfuggito agli osservatori piu' attenti il fatto che l'Arbitro fosse di Pinerolo, una Citta' la cui squadra e' diretta concorrente della Pro Dronero per la vittoria finale in quel Campionato che, dopo l'inevitabile contraccolpo psicologico della nostra eliminazione dalla Coppa, rappresenta adesso il solo obbiettivo rimasto su cui dobbiamo necessariamente tornare a concentrare al piu' presto la nostra attenzione.

Vogliamo credere alla buona fede di tutti ma certo sarebbe davvero importante, per evitare preventivamente il dubbio, o anche la semplice possibilita' di decisioni dettate da coinvolgimenti emotivi, per altro comprensibilissimi in un ragazzo ancora cosi' giovane, non mandare una volta un Arbitro dalla Sardegna ed un altra un Direttore legato,anche solo geograficamente ad una formazione di vertice del nostro stesso girone.

In ogni caso sono certo che gia' da domani, con l'allontanarsi definitivo di tutto cio' che ci ha ultimamente appesantito, sapremo ritrovare tutti assieme la serenita' necessaria per ricominciare a puntare con ancora piu' convinzione di prima al vertice della classifica, distante da noi appena due punti ... Perche' di una cosa si puo' esser certi ... i Draghi non si arrendono mai!"

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium