/ Volley

Volley | 27 febbraio 2020, 18:55

Volley A2/F: Lpm Bam Mondovì, il tecnico Davide Delmati spiega lo stato d'animo in casa Puma: “Situazione mai vissuta, ma era giusto fermarsi”

Campionati di pallavolo fermi a causa del coronavirus. Intervista con l'allenatore della Lpm Bam Mondovì, Davide Delmati, che ai nostri microfoni ha spiegato il momento in casa Puma

Il tecnico della Lpm, Davide Delmati (foto Guido Peirone)

Il tecnico della Lpm, Davide Delmati (foto Guido Peirone)

Tanta voglia di tornare alla normalità! E’ questa la massima aspirazione degli italiani alle prese con il coronavirus. Non è da meno il popolo degli sportivi, che fatica a rinunciare a quelle due ore o poco meno di spettacolo e spensieratezza attorno ad un rettangolo di gioco. Ma anche i più accaniti appassionati hanno compreso che in questo caso era giusto che ognuno facesse la propria parte;

tutti contro un nemico invisibile, probabilmente sopravvalutato, ma che non poteva assolutamente essere sottovalutato. Insomma, d’improvviso gli sportivi si sono ritrovati  senza il sano piacere delle partite. Tutti sommersi non da schiacciate e punti, ma da notizie contrastanti e poco rassicuranti, che hanno finito per destabilizzare tantissime persone. Anche la Lpm Bam Mondovì è rimasta in parte “spiazzata” dall’evolversi della situazione, con un derby, quello contro il Pinerolo, annullato a poche ore dal fischio d’inizio.

Abbiamo chiesto all’allenatore del Puma, Davide Delmati, di raccontarci questo momento, partendo proprio da quanto accaduto domenica scorsa: “Domenica eravamo pronti a partire” – ha spiegato il Tecnico della Lpm – “ma poco prima di salire sul pullman per raggiungere Pinerolo ci hanno comunicato che la gara era stata annullata. In tanti anni di serie A non mi ero mai trovato in una situazione del genere. Ci tengo a dire, però, che di fronte alla salute e ad una problematica di questo tipo lo sport debba andare in secondo piano. La sicurezza di tutti deve essere la priorità.”

E' di ieri la notizia del semaforo verde da parte della Federazione circa la ripresa delle attività dal prossimo 2 marzo. Che pensiero si è fatto? “Penso che al momento ci sia un po' di confusione tra le istituzioni e chi decide.” – continua Delmati – “Lo sport non deve essere vissuto come un problema o un rischio, ma tutt’altro. E’ stato giusto fermarsi e resettare, anche se sono convinto che domenica prossima (8 marzo) si giocherà.”

Come state vivendo queste giornate e cosa vi aspettate nei prossimi giorni? “Abbiamo ripreso ad allenarci da martedì seguendo scrupolosamente le prescrizioni delle autorità competenti.” – continua l’Allenatore del Puma – “Lo faremo fino a sabato, per poi riprendere regolarmente martedì prossimo. Il recupero delle partite non disputate, che per noi e Pinerolo sarà di due gare, renderà di certo il calendario più fitto di appuntamenti. Penso che saranno inseriti dei turni infrasettimanali, ma non credo che la formula del campionato verrà modificata, anche se questa è una decisione che ovviamente non spetta al sottoscritto.”

La Lombardia è la regione che ha registrato il maggior numero di casi di coronavirus. Tu sei di Milano ed immagino che anche i tuoi principali affetti siano lì. Qual è il tuo stato d’animo in questo periodo? “A Milano la situazione è un pochino più tesa” – ha spiegato Delmati – “Lì ho il mio papà ed i miei amici, ma mi sento abbastanza tranquillo. Mi hanno descritto una città più vuota, con pochi ristoranti aperti e negozi che chiudono presto, il tutto in una situazione che se non è surreale, è alquanto particolare.”

Matteo La Viola

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium