/ Volley

Volley | 10 aprile 2020, 12:17

Volley Femminile: I Procuratori alzano la voce: "Nessun taglio su ingaggi di atlete e tecnici!"

L'Associzione Procuratori Volley ha diffuso una lettera con la quale respinge al mittente l'ipotesi del taglio degli ingaggi in A1 e A2 Femminile

Volley Femminile: I Procuratori alzano la voce: "Nessun taglio su ingaggi di atlete e tecnici!"

Ancora acque agitate nel mondo della pallavolo. Dopo le dimissioni dei presidenti di Lega, Fabris e Monsa, annunciate in segno di protesta contro le decisioni della Fipav, ecco che arriva una dura nota dell'Associazione Procuratori Volley che  con una lettera pubblicata su diversi siti nazionali hanno assunto una netta presa di posizione sull'ipotesi del taglio degli ingaggi in ambito femminile, elencando in maniera dettagliata i motivi di questa scelta.

Le Consulte di Lega Femminile lunedì scorso avevano sottoscritto la proposta di tagliare i compensi a giocatrici e tecnici per l'attuale stagione sulla base del 30% in A1 e del 40% in A2. La risposta dei procuratori non si è fatta attendere e sembrerebbe non lasciare molto spazio a margini di trattative, così come si può evincere dal punto cardine della nota:

"Riteniamo che i club dovranno onorare al 100% i contratti in essere salvando così la reputazione di tutto il movimento; saremo assolutamente disponibili a venire incontro ai club accordando dilazioni di pagamento con modalità che saranno concordate con gli stessi". 

La speranza è che nei prossimi giorni le parti possano tornare a sedersi al tavolo delle trattative con un reciproco atteggiamento propositivo e trovare magari una soluzione che, anche se non pienamente condivisa, possa essere accettata da tutti. 

Matteo La Viola

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium